Close

New articles

Nonno assolto dopo 10 anni di processo

Sono passati 10 anni da quando una donna aveva denunciato gli ex suoceri e l'ex marito per maltrattamenti contro di lei e contro il figlio che allora aveva appena 12 anni. I tempi della giustizia sono stati però così lunghi che il reato si è persino prescritto e il nonno del ragazzo è stato assolto soltanto ora e nel merito, perché ha voluto espressamente rinunciare proprio alla prescrizione. La nonna, imputata anche lei, è invece morta nelle more del processo. Il padre del giovane era stato invece già scagionato tempo fa in un altro procedimento.

Il giudice della seconda sezione del tribunale monocratico, Andrea Innocenti, ha finalmente accolto le tesi della difesa del nonno, rappresentata dagli avvocati David Grasso Castagnetta e Giuseppe Crescimanno. Il magistrato che ha emesso la sentenza è subentrato solo recentemente al collega che per 8 anni - dal 2014 - non era invece riuscito a definire il processo, nonostante istanze di anticipazioni e altre sollecitazioni da parte sia della difesa dell'imputato che della parte civile (l'ex nuora si era infatti costituita contro i suoceri, anche in rappresentanza del figlio).

In base alla denuncia della donna, che risale al 2011, i nonni avrebbero fatto pressioni e dispetti a lei e al figlio, maltrattandoli entrambi. L'ex marito, invece, sempre secondo l'esposto della presunta vittima, sarebbe ricorso alla violenza fisica ai danni di entrambi. Mentre per quest'ultima accusa il processo è stato definito rapidamente e l'uomo è stato assolto, i tempi sono diventati biblici per quello a carico dei nonni.

Gli anziani erano stati rinviati a giudizio nel 2014 e da allora, udienza dopo udienza, il tribunale per anni non è riuscito ad accertare i fatti e a definire il processo. Tanto che la nonna del ragazzo è morta durante il dibattimento. Il reato è andato prescritto, ma l'imputato rimasto ha voluto andare fino in fondo per essere assolto nel merito da accuse così gravi ed infamanti. E così è stato adesso. Anche se a ben 10 anni dai fatti.

Nonno assolto dopo 10 anni di processo

Sono passati 10 anni da quando una donna aveva denunciato gli ex suoceri e l'ex marito per maltrattamenti contro di lei e contro il figlio che allora aveva appena 12 anni. I tempi della giustizia sono stati però così lunghi che il reato si è persino prescritto e il nonno del ragazzo è stato assolto soltanto ora e nel merito, perché ha voluto espressamente rinunciare proprio alla prescrizione. La nonna, imputata anche lei, è invece morta nelle more del processo. Il padre del giovane era stato invece già scagionato tempo fa in un altro procedimento.

Il giudice della seconda sezione del tribunale monocratico, Andrea Innocenti, ha finalmente accolto le tesi della difesa del nonno, rappresentata dagli avvocati David Grasso Castagnetta e Giuseppe Crescimanno. Il magistrato che ha emesso la sentenza è subentrato solo recentemente al collega che per 8 anni - dal 2014 - non era invece riuscito a definire il processo, nonostante istanze di anticipazioni e altre sollecitazioni da parte sia della difesa dell'imputato che della parte civile (l'ex nuora si era infatti costituita contro i suoceri, anche in rappresentanza del figlio).

In base alla denuncia della donna, che risale al 2011, i nonni avrebbero fatto pressioni e dispetti a lei e al figlio, maltrattandoli entrambi. L'ex marito, invece, sempre secondo l'esposto della presunta vittima, sarebbe ricorso alla violenza fisica ai danni di entrambi. Mentre per quest'ultima accusa il processo è stato definito rapidamente e l'uomo è stato assolto, i tempi sono diventati biblici per quello a carico dei nonni.

Gli anziani erano stati rinviati a giudizio nel 2014 e da allora, udienza dopo udienza, il tribunale per anni non è riuscito ad accertare i fatti e a definire il processo. Tanto che la nonna del ragazzo è morta durante il dibattimento. Il reato è andato prescritto, ma l'imputato rimasto ha voluto andare fino in fondo per essere assolto nel merito da accuse così gravi ed infamanti. E così è stato adesso. Anche se a ben 10 anni dai fatti.